Crema Spalmabile Gianduja Guido Gobino

gobino
La Nutella non ci piace. Se proprio abbiamo bisogno di dolcezza ci facciamo del male bene spendendo (molto) di più per una crema spalmabile di alto livello. Con buona pace della Ferrero – e del nostro portafogli – preferiamo, per esempio, la Crema Spalmabile Gianduja del grande cioccolatiere torinese Guido Gobino.

La qualità di questo prodotto la si può percepire già ammirando lo stiloso barattolo da 250 grammi e leggendo la rassicurante lista ingredienti che riporta: zucchero; nocciola Piemonte IGP (35%); cacao magro in polvere; latte magro in polvere; burro; estratto naturale di vaniglia Bourbon; emulsionante: lecitina di soia (non OGM).

La crema spalmabile by Gobino mantiene le promesse anche al momento dell’assaggio. Dolcezza equilibrata, netto e pulito l’aroma del cacao, importante l’apporto grasso delle nocciole. “Goduriosa” è forse è una definizione scontata ed abusata. Assolutamente calzante, però, in questo caso.

Migliorabile, come è stato notato anche su altri lidi virtuali, è solo la consistenza. Non è facile distribuire la cioccolata su una fetta di pane, o su qualsiasi altro “supporto” commestibile, perchè troppo densa e poco cremosa. Un problema (non insormontabile) legato forse ad un’errata temperatura di conservazione.

Impossibile non segnalare quanto costi la Crema Spalmabile Gianduja Guido Gobino. A seconda del pusher, 250 grammi vengono dagli 11 euro ai 14 euro circa. La bontà, evidentemente, ha un prezzo.

A Milano è in vendita da Eataly e da Eat’s. La cosa migliore, però, è andare ad acquistarla direttamente alla fonte: la bottega milanese di Guido Gobino è nel cuore di Brera (via Garibaldi 36) – qui si possono trovare anche gli ottimi giandujottini tourinot e le celestiali minuscole ganaches.

Foodometro™
In: ingredienti di qualità, sapore deciso
Out: consistenza poco cremosa
Una crema spalmabile di alto rango. 7,5

Giacomo Robustelli

Annunci

7 risposte a “Crema Spalmabile Gianduja Guido Gobino

      • Non chiamarlo “spaccio” che se il buon Guido lo leggesse potrebbe inalberarsi 🙂

        Si tratta di un bello e chiccoso negozietto in realtà. Come scritto nell’articolo anche le ganache sono OBBLIGATORIAMENTE da provare!!!

  1. a parte queste bambinerie delle creme abbiamo mai discusso io e te/voi su una tavoletta decente di fondente reperibile senza andare a sao tome’ ?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...