Patatine Crocchias

Strana regione la Sardegna. Isolata non solo geograficamente dal resto del Paese, o meglio dal “continente” come dicono i sardi, si è sviluppata in modo autonomo, con tradizioni e radici a sé stanti. Non è un caso che qui si trovi quasi per ogni prodotto alimentare industriale il suo corrispettivo isolano. L’Ichnusa  al posto della Moretti, il latte di Arborea  e non quello Granarolo, i Savoiardi di Fonni in sostituzione a quelli Vicenzi. Un caso esemplare è quello delle patatine. In ogni bar e supermercato dell’isola possono mancare quelle San Carlo, ma non le Crocchias, prodotte dall’azienda Terrantica di Sanluri, in provincia di Cagliari.

Questo marchio nasce nel 1998 dall’idea di due soci sardi, tra cui il fratello di Renato Soru (ex governatore e fondatore di Tiscali), con l’obiettivo di ridare vita alla Cantina Sociale di San Luri, paese vicino a Cagliari, dismessa dopo l’espianto dei vigneti della zona. L’operazione di riqualifica fallisce, ma l’azienda si specializza nella lavorazione industriale delle patate, provenienti per lo più dalla Campania e dal Nord Italia. Solo una piccola parte arriva dalla vicina Gavoi ed è alla base delle Crocchias biologiche.

Si lavora per differenziare le altre patatine da quelle dei competitor nazionali. Innanzitutto concentrandosi sulla loro freschezza e croccantezza, creando un prodotto molto meno unto di quello delle rivali. Contemporaneamente ci si concentra sul gusto e nascono così, oltre alle Crocchias classiche e rustiche, le Sfiziosette al Pecorino e le Guttiau. Quest’ultime sono la rivisitazione industriale del tipico pane sardo, il Carasau, a base di semolato di grano duro, fritto e poi salato.

Per chi volesse un assaggio di Sardegna -per ricordare gli aperitivi in spiaggia a base di Ichnusa e Crocchias– può trovare queste patatine da Eat’s Store a Milano dove, curiosamente, è presente l’intera gamma, con prezzi che vanno dai 60 centesimi fino a 1.50 euro circa.

Maggiori informazioni: crocchias.com

Foodometro™
In: le patatine più famose di Sardegna
Out: materia prima per lo più importata dal “continente”
Un assaggio di Sardegna all’ora dell’aperitivo. 7

Federica Pallavicini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...