Il Giappone e Il Terremoto. Rischio Sushi Radioattivo?

Prima il terremoto, poi lo tsunami, infine i reattori nucleari di Fukushima fuori controllo: le notizie e le immagini che – dopo l’11 marzo – si susseguono dal Giappone a getto continuo sui nostri schermi creano grande timore. Non solo per le sorti di un popolo che nella sua storia ha già sofferto oltre ogni misura ma anche (più egoisticamente) per la nostra salute. Ma davvero il sushi che mangiamo in Italia è a rischio radioattività? Con questo post proviamo a fare un po’di chiarezza.

Tranquillizziamo subito i nostri lettori – i motivi per cui rimanere sereni sono numerosi e fondati. Innanzitutto bisogna sottolineare che il Ministro della Salute Ferruccio Fazio ha tempestivamente bloccato con un decreto le importazioni di cibi freschi dal paese del Sol Levante. Si aggiunga poi che il volume di tali importazioni è quasi risibile: nel 2010 ha raggiunto i 13 milioni di euro, lo 0,03 per cento dell’import agroalimentare totale nazionale.

Un’altra valida ragione per continuare a mangiare sushi senza patemi d’animo è che questo piatto ha bisogno, per sua intrinseca natura, di materia prima freschissima. I ristoratori in Europa utilizzano da sempre perciò prodotti autoctoni. Solo le alghe devono essere necessariamente importate dall’oriente – quelle cinesi sostituiranno validamente nei prossimi tempi quelle giapponesi.

Di fatto, il sushi in Italia, di nipponico ha solo il nome. Basti anche pensare che in una città come Milano, che conta un centinaio di insegne di sushi, sono solo una decina i ristoranti gestiti realmente da giapponesi (fonte: TGR Lombardia). Tutto sommato, quindi, non ha senso preoccuparsi per noi stessi. La cosa più giusta da fare è continuare a mangiare sushi. E augurare sinceramente al Giappone di risollevarsi nel minor tempo possibile.

Immagine rilasciata sotto licenza CC 2.0 da BKajino on Flickr a questo indirizzo.

Giacomo Robustelli

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...