Ristorante Magorabin – Torino

Corso San Maurizio 61, Torino – Tel: 011/8126808

Per cenare a Torino, città che poco conosciamo, ci siamo affidati  a suggerimenti carpiti in diverso modo sulla rete. Tutto ci ha spinto verso Magorabin. Il ristorante, capitanato dal giovane chef Marcello Trentini e dalla compagna – la sommelier Simona Beltrami – ha dimostrato di meritare le notevoli lodi che gli vengono tessute sul web, nonostante alcune piccole cadute.

Il primo plauso da fare riguarda l’ambiente: molto piacevole e curato nei minimi dettagli, con tavoli finemente apparecchiati all’interno di una piccolo locale dai toni moderni e classici allo stesso tempo. Alle pareti originali quadri d’autore in stile Otto Dix. Una cosa che non ci è molto piaciuta è invece la scarsa empatia che è venuta subito a crearsi tra noi e lo chef, onnipresente in sala nell’arco di tutta la serata. Concentrato sugli altri (probabilmente più interessanti) tavoli, ci ha riservato giusto una cortesia piuttosto affettata, apparentemente solo di facciata. Nulla di così grave, comunque, da non permetterci di gustare al meglio la nostra cena.

Sono stati sufficienti gli appetizer a convincerci dell’ottimo livello della cucina. Memorabile il pane sciocco con extra vergine a crudo e fior di sale, preparato con lievito madre e servito caldo. Stuzzicante  la vellutata di peperoni con acciughe. Solo discreto l’inflazionato baccalà mantecato, in questo caso presentato con una julienne di guanciale croccante. Il vero colpo di scena è arrivato con il cestino del pane, un’incredibile contenitore di vere e proprie prelibatezze mai assaggiate altrove. Briochine alle olive taggiasche, panini al nero di seppia e all’acciugapizzette mozzarella fiordilatte e pomodori pachino, grissini tirati allo strutto – tutto a dir poco delizioso. Degno di nota anche il burro aromatizzato all’erba cipollina servito in accompagnamento.

Per quanto riguarda la scelta dei piatti, abbiamo puntato sul Menù degustazione Torino (35 euro), curiosi di provare le ricette tradizionali piemontesi rivisitate in chiave moderna. L’antipasto, il vitello tonnato, era semplicemente magnifico. Carne cotta  delicatamente e saporitissima salsa tonnata al centro del piatto. Non perfetti gli agnolottini classici ai tre arrosti: tiepidi e leggermente troppo al dente – ottima in verità la pasta, tirata con maestria. Piccoli dubbi anche sul secondo, il manzo in due cotture, con guancia brasata e il lombo rosa con polenta di mais dolce. Il lombo ci è parso un po’ troppo fibroso, difficile da tagliare e fin da masticare. La guancia brasata ci ha convinto decisamente di più, molto saporita e tanto tenera da sciogliersi in bocca.

Il dolce: parfait al torroncino di alicante, preceduto da un tiramisù scomposto offerto come predessert. Per  finire l’abbondante cena non abbiamo potuto rinunciare al caffè e (sopratutto) alla clamorosa piccola pasticceria, in cui spiccavano per bontà i fantastici baci di dama e le meringhe alla nocciola.

Da non crederci che, per una delle nostre migliori cene degli ultimi mesi, abbiamo speso solo 45 euro a testa con una bottiglia di vino. Pochissimo per un ristorante di alto livello dal servizio attento e decisamente professionale. Speriamo di poter tornare presto da Magorabin per saggiare la mano di Trentini anche nella preparazione di piatti più creativi e meno legati alla tradizione rispetto a quelli che abbiamo gustato – invitante il percorso di pesce a 50 €. Siamo sicuri che la cucina dello chef dai lunghi dreadlocks ci stupirebbe ancor di più con effetti speciali di tutto rilievo.

Foodometro™
•Cucina: creatività e tradizione ottimamente bilanciate. 8,5
•Ambiente: molto curato e piacevole. 7,5
•Servizio: semplicemente impeccabile. 8
•Da Non Perdere: cestino del pane e vitello tonnato
•Da Evitare: nulla in particolare. Il secondo ci ha convinto meno del resto
•Prezzo: 40-45 euro a testa. Lodevole l’acqua e il coperto gratuiti
•Giudizio Finale: un indirizzo torinese da segnarsi bene in agenda. 8

Federica Pallavicini

Annunci

3 risposte a “Ristorante Magorabin – Torino

  1. Pingback: Ristorante Magorabin – Torino (via Thebigfood) « La Linea dell’Inutile·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...