Ristorante Mangiafuoco Bracerie

Via Pisacane 40, Milano
Tel: 02/2952271

Carne, carne, carne. Un sabato a Milano, il nostro unico pensiero è questo: abbiamo un bisogno irrefrenabile di mangiare buona (e tanta) carne. Di solito soddisfiamo questi nostri inconsulti istinti ferini rifornendoci dal nostro macellaio di fiducia, il buon Novello. Per una volta abbiamo voglia di provare qualcosa di nuovo, serviti e riveriti al ristorante e così, fidandoci della guida Pappamilano e attizzati dal nome invitante, prenotiamo al ristorante di ispirazione toscana Mangiafuoco Bracerie, in zona Porta Venezia.

Arriviamo verso le 21.00 e constatiamo subito che l’ambiente non è un granché: più che ad un ristorante assomiglia ad un pub irlandese di infimo livello con il legno perlinato alle pareti, le luci bassissime e i tavolacci ammassati uno sull’altro. Appena seduti, ci diciamo che poco importa, che siamo qua solo per la carne e, con la bava alla bocca, ordiniamo il tris di crostini caldi, l’asse del contadino (un tagliere di affettati misti) e una tagliata alla crema di Chianti (per due).

I salumi arrivano immediatamente: tra fette di prosciutto, pancetta e salame, fanno capolino alcune fette di formaggio brie (?) e due bandierine (Norvegia e Svizzera) di quelle che si usavano sulle coppe di gelato fino a qualche decennio fa. A parte l’impiattamento formidabilmente brutto, quello che c’è nel piatto è discreto – gustosi soprattutto i salamini di cinghiale. L’altro antipasto arriva dopo una decina di minuti e ci lascia a dir poco perplessi: nel tris di crostini ci saremmo aspettato di trovarne almeno uno veramente toscano (con i fegatini) invece dobbiamo accontentarci di una sciapa salsina di pomodoro, di un insignificante formaggino fresco alle erbette e di un indecifrabile paté marroncino.

Vabbè, siamo qui solo per la carne ci ripetiamo come un mantra e aspettiamo fiduciosi – la tagliata non può deluderci. Veniamo subito smentiti quando arriva al nostro tavolo un piattone in cui sono letteralmente affogate nel vino delle sottilissime fettine. Certo la qualità della carne non è disdicevole, però è  pochissima (saremo sui 200-300 grammi in tutto) ed è a dir poco stracotta. La crema al Chianti più che crema al Chianti è del vino rosso schiaffato senza alcun criterio sulla materia prima in fase di cottura.

Tra l’altro avremmo qualcosa da ridire sul concetto di ‘tagliata’ del ristorante Mangiafuoco Bracerie: come si può leggere per esempio sul mitico forum di Bbq4all la tagliata «non è un taglio di carne ma una metodologia di servizio, è cioè una bistecca che viene lasciata molto al sangue e servita già affettata […] Solitamente si usa il sottofiletto ma si ottengono ottimi risultati anche con il codone». A noi il taglio che ci è stato servito qui sembrava più del carpaccio (dall’altezza millimetrica) cotto decisamente troppo.

Decidiamo di chiudere la cena qui e di non ricevere ulteriori delusioni dalla serata. Paghiamo un conto abbastanza salato per quel poco che abbiamo mangiato e, il cameriere coi baffoni e il tono greve che ci aveva servito in sala, ci da pure 50 centesimi in meno di resto: non che ci cambino la vita, troviamo però questo ‘errore’ se non altro fastidioso.

Fastidioso come spendere 60 sonanti euro per soddisfare la voglia di carne e uscire dal ristorante totalmente insoddisfatti – sia sul lato qualitativo sia su quello quantitativo. Forse avremmo sbagliato l’ordinazione (la fiorentina non sembrava malvagia), siamo però sicuri che, a Milano, ci è raramente capitato di mangiare così in malo modo, in un posto così brutto.

Foodometro™
•Cucina: solo carne (mal cotta la nostra). 4,5
•Ambiente: buio e demodè. 4
•Servizio: la gentilezza e la correttezza non è qui di casa. 4
•Da Non Perdere:
•Da Evitare: tagliata alla crema di Chianti
•Prezzo: 30 euro a testa per il minimo sindacale (personalmente mal spesi)
•Giudizio Finale: come ha fatto il Pappamilano a prendere un granchio del genere? 4

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...