Centro Botanico

Piazza San Marco 1, Milano

Radical chic è una definizione coniata nel 1970 dal giornalista e scrittore americano Tom Wolfe per descrivere l’alta borghesia newyorkese di quegli anni impegnata a sostenere improbabili cause politiche (come quella del movimento dei Black Panthers) attraverso sfarzosi party in sfarzosi attici. Radical chic, in Italia, è la spiaggia di Capalbio affollata di politici e ideologhi di sinistra, l’i-phone con la suoneria di Bella ciao, il petroliere che gira in bicicletta o con l’auto elettrica. Radical chic è anche la migliore espressione che possa esistere per definire il Centro Botanico, una (piccola) catena di negozi milanesi specializzati in cosmesi naturale, cibo biologico e via dicendo. Fondata nel 1975 dallo stilista Angelo Naj Oleari, conta oggi di tre punti vendita (il più grande nato nel 2008 in zona di Porta Ticinese). Quello che abbiamo provato noi si trova in pieno centro, nel cuore di Brera ed è fornito anche di un bel bar dove sono serviti succhi di frutta, tisane e proposte «di cucina biologica-biodinamica, principalmente rivolta a chi segue l’alimentazione ovo-lattea vegetariana, vegana-vegetaliana e macrobiotica».

Ora vogliamo però focalizzare la nostra attenzione sulla sezione strettamente di negozio. Appena varcata la soglia si ha l’impressione di entrare in quanto di più lontano esista da un supermercato: luci soffuse, colori naturali alle pareti, scaffali di legno non trattato a mettere in mostra i prodotti. Anche le misure non sono certo da ‘iper’ di periferia ma piuttosto da bottega di quartiere un po’ allargata – la superficie di vendita, a occhio, sarà intorno ai 100-150 mq circa.

I marchi qui presenti non sono numerosissimi ma altamente selezionati. Nell’unico banco frigo è possibile trovare, tra gli altri, i formaggi freschi e semi stagionati delle Cascine Orsine, un’azienda agricola biodinamica di Bereguardo, in provincia di Pavia. Il latte fresco e gli yogurt vengono invece dalla Germania, dalla bavarese Andechser Natur. Tra i succhi di frutta dobbiamo segnalare quelli della Biotta, azienda svizzera antesignana dell’agricoltura biologica (dal 1951) e quelli della piemontese Achillea. Da notare anche una grande scelta di prodotti a marchio Selecta Centro Botanico, sui quali garantiscono gli esperti della catena.

Per gli irriducibili che volessero fare una spesa interamente biologica c’è da mettere in rilievo anche la presenza di una piccola sezione dedicata all’olio e al vino. Non manca neppure frutta e verdura fresca e quasi qualsiasi altra cosa di edibile che possa venirvi in mente. Da provare, per esempio, il miele di Luca Bonizzoni che porta le sue api a raccogliere esclusivamente in luoghi di vegetazione spontanea non trattata con pesticidi.

Se il biologico è per voi un mantra, troverete al Centro Botanico la vostra terra promessa. Personalmente non possiamo non dirci sostenitori della filosofia su cui si basa l’agricoltura biologica e riteniamo molti prodotti bio qualitativamente superiori. Ciononostante, guardiamo con una certa irritazione ad alcune tendenze collegate (inspiegabilmente) a questo mondo, come per esempio la macrobiotica, il veganesimo e il vegetarianesimo.

Purtroppo, anche gironzolando per questo negozio, si ha come la sensazione che tutto sia stato infilato nello stesso calderone: il problema è che noi il tofu e il seitan, l’aloe vera (o falsa), i semi di lino e il bulgur, le tisane di malva rampicante indo-thailandese non vorremmo vederle neppure da lontano.

Foodometro™
In: buon assortimento
Out: biologico, vegetariano e macrobiotico non sono sinonimi
Il tempio della spesa biologica radical chic. 7

————————————————————————————————————-
Altri punti vendita della catena:

Via Vincenzo Monti 32, Milano
Via Cesare Correnti 10, Milano
Orari di apertura: centrobotanico.it


Annunci

Una risposta a “Centro Botanico

  1. buona descrizione dei negozi.
    Francamente non capisco “l’irritazione” sostenuta per aloe vera, tofu, semi di lino e vari (in fondo non li usano solo i vegetariani, e non fanno affatto male alla salute). Che si condividano o meno le scelte alimentari di chi ci circonda, è una buona idea avere a disposizione cibi ( e non solo) che siano sani, biologici e alla portata dei gusti di tutti i clienti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...