PappaMilano 2010

Valerio M.Visintin
Terre di Mezzo Editore, 2009

Penna rozza e ignorante, caustico e acuminato, brillante, ruffiano, insopportabile, populista, diretto, irritante, fantastico. Così è stato definito il critico gastronomico milanese del Corriere, Valerio Massimo Visintin, da blogger e commentatori di dissapore infervorati a discutere una sua recensione del ristorante Joia dello chef Pietro Leeman. I fan lo amano alla follia, i detrattori non lo sopportano. A dividere il popolo dei gourmet sono essenzialmente due fattori. Il primo è la sua scrittura ironica e tagliente, il secondo è la facilità con cui spesso stronca grandi ristoranti stellati e incensa osterie o ristorantini snobbati dall’ intellighenzia gastrocritica. Noi non amiamo buttarci nella mischia e non ci schieriamo lancia in resta ne’ da una ne’ dall’altra parte: siamo infatti convinti che per capire al meglio le umane cose sia necessario osservarle da sopra, o se preferite da lato. Detto ciò, apprezziamo lo stile mai banale con cui Visintin scrive. Siamo inoltre molto vicini alla sua idea che siano degni di prova, e di critica, i ristoranti di qualsiasi categoria, a prescindere dal loro prezzo e dalla loro nomea. Vicinanza ‘filosofica’ confermata anche da PappaMilano 2010, nona edizione della guida ai 100 ristoranti milanesi di qualità a buon prezzo che il Nostro firma ormai dal 2002.

Una guida snella, dal formato tascabilissimo e di facile consultazione. I ristoranti sono infatti classificati per zone della città (è presente anche una comoda cartina) e, in ogni scheda, sono riportate utilissime informazioni di servizio. In bella evidenza, ci sono i prezzi (i locali qui recensiti toccano al massimo i 30-35 euro per persona). Comodo il trafiletto laterale dove sono riportate anticipazioni del menu e diversi tipi di simboli che indicano, per esempio, la prevalenza in lista di piatti di carne o di pesce, se la cucina è aperta fino a tardi, se ci sia il giardino oppure se vengano utilizzati prodotti biologici.

Sulla reale qualità di tutti le segnalazioni qui riportate non ci metteremmo la mano sul fuoco. Anche perché ne abbiamo verificate di persona giusto due o tre. Sulla genuinità delle valutazioni, siamo invece tranquilli. Come infatti scritto nell’introduzione: «tutti i locali descritti nella guida sono stati testati e sperimentati direttamente (e rigorosamente in incognito) più di una volta».

In conclusione, il PappaMilano 2010, è una pratica bussola per orientarsi nella vastissima offerta di ristoranti a Milano. Che poi sia scritta con toni che spaziano dall’ironia al sarcasmo, in un registro mai banale (e così diverso dalla media delle guide italiche) non può che deporre a suo favore.

Foodometro™
In
: una guida pratica e immediata
Out
: recensioni incentrate troppo poco sulla cucina
Da tenere sempre in tasca. 8

Annunci

4 risposte a “PappaMilano 2010

  1. Pingback: Pizzeria La Taverna « Thebigfood·

  2. Pingback: Acqua e Sale La Paranza Imperiale « Thebigfood·

  3. Pingback: Ristorante Mangiafuoco Bracerie « Thebigfood·

  4. Pingback: Guida Ristoranti i Menù dell’Estate Milano « Thebigfood·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...