Skipintro

Via Donatello 2, Milano
Tel: 02/29516814

Sembra assurdo, ma pur frequentando una zona di Milano come quella di Piola, che teoricamente dovrebbe essere ricca di locali per  giovani universitari sempre pronti a un buon aperitivo in compagnia, i posti carini dove bere qualcosa li contiamo sulle dita di una mano. Fra questi, abbiamo già parlato dei due maggiormente frequentati, ossia il Birrificio di Lambrate e il Caffè Ambrosiano. Oggi lo dedichiamo, invece, allo Skipintro, situato in una piccola traversa di Viale Abruzzi. Noi, da buoni appassionati di camminate, ci siamo andati a piedi. Scelta azzeccata, visto che sarebbe stato molto difficile trovare un parcheggio libero, se non fra le interminabili strisce gialle per le auto dei residenti (con alte probabilità di una multa e già ne abbiamo prese abbastanza). Dall’esterno lo Skipintro sembra un posto poco frequentato, in realtà, entrando vi accorgerete che di persone ce ne sono abbastanza, solo che sono ben distribuite nell’ampia sala, nel privè e al piano superiore. Vedendolo da fuori, questo locale non sembrerebbe così sterminato, mentre dall’interno sembra pensato apposta per feste di Laurea e compleanni dai numerosi invitati.

L’arredamento: da veri fanatici dell’Ikea, non poteva sfuggirci il fatto che i proprietari abbiano fatto man bassa di divani, tavolini e sedie acquistati nel grande magazzino svedese. Scelta così così, soprattutto per quanto riguarda i divani, dall’aspetto un po’ sciatto e rovinato. Tutto è di colore rosso o nero e, a meno che non siano dei milanisti invasati, forse potevano variare un po’ di più nei toni. Molto belli, invece, gli enormi murales alle pareti, con figure stilizzate di uomini e donne. Nel complesso l’ambiente è carino, ma come un po’ dimesso, diciamo migliorabile, soprattutto nella pulizia degli arredi. Non sembra un locale da aperitivo, ma più da dopo cena. Infatti, quando siamo andati noi verso le sette di sera, non era particolarmente affollato, mentre siamo sicuri che frequentandolo il sabato notte avremmo trovato molto più movimento.

Dopo esserci seduti al nostro tavolino Ikea dal nome impronunciabile, abbiamo ordinato i cocktail alla cameriera: rispettivamente un Cuba Libre e un Moscow Mule. Nulla di speciale, soprattutto quest’ultimo, troppo dolce e dal gusto di zenzero appena percepibile. I soliti cocktail di media qualità, preparati in modo approssimativo e senza troppa cura. Gli stuzzichini offerti durante l’aperitivo non sono strepitosi, ma quantomeno decenti. L’offerta è ampia e si può scegliere fra focacce calde (ne abbiamo fatto scorta), piatti di pasta, riso o cous cous e, ovviamente, tartine farcite in diversi modi. Peccato che manco uno fosse troppo invitante. Alla fine, della scelta che all’inizio ci sembrava infinita e gustosa, ci siamo buttati sulle solite cose sicure. Come dire: tanto sugo e niente arrosto. Se dovessimo descrivere in un aggettivo lo Skipintro diremmo “mediocre”. Mediocre è l’ambiente, i cocktail e il cibo, quasi fosse tutto  senza quel qualcosa in più che si trova in altri locali. Dignitoso, ma, francamente, evitabile.

Foodometro™
•Drinks: approssimativi. 5.5
•Cibo: scelta ampia, ma non di qualità. 5.5
•Giudizio Finale: mediocre. 5.5

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...