Riso Superfino Carnaroli La Lodigiana

Cosa c’è di meglio di un buon risotto per riscaldarsi nel clima gelido di questi giorni? Riuscire a preparare un buon piatto, tuttavia, non è semplice come si potrebbe pensare. É assolutamente necessario, infatti, da una parte conoscere bene le caratteristiche del riso (dimensioni dei chicchi e  modalità di cottura) che meglio combaciano con ciò che abbiamo in mente di preparare e, dall’altra, utilizzare un’ottima materia prima, come, ad esempio, il Riso Superfino Carnaroli La Lodigiana. Prima di addentrarci nella descrizione di questo prodotto, che ci ha assolutamente conquistato, è necessario prima fare un breve excursus sul mondo del riso in Italia. Panoramica che si rende necessaria, dal momento che sotto il generico nome di «riso» si nasconde un vero e proprio mondo, complesso e affascinante. Innanzitutto: perché fra le tante varietà  prodotte in Italia (tra le altre: semifini, fini, comuni) abbiamo scelto proprio il riso superfino? Perchè questa, insieme al semifino, è la tipologia più adatta per cucinare risotti, grazie a chicchi grossi e molto lunghi, perfetti per le lunghe cotture necessarie nella preparazione di questo piatto.

Se ci avessimo provato, invece, con un riso fino, a fine cottura ci saremmo trovati un bel risotto scotto, dato che questa tipologia è adatta a piatti quali antipasti e timballi, che richiedono tempi di cottura minori. Quindi non buttatevi mai sul primo riso che trovate in offerta, ma state ben attenti alla sua specifica varietà a seconda di quello che avete in mente di cucinare. Ma non finisce qui, perché, dopo aver trovato la varietà giusta (nel caso del nostro risotto, il superfino) dovrete poi scegliere al suo interno una fra le diverse tipologie, come, tanto per dirne alcune, l’Arborio, il Baldo, il Corallo, il Roma e il Carnaroli.  Noi abbiamo scelto quest’ultimo, ossia una varietà di riso prodotta della zona fra Novara e Vercelli, sinonimo di tradizione ed eccellenza nella coltura di questo cereale.

Qualità e tradizione, nel nostro caso, garantita dall’Azienda Agricola La Lodigiana, nata da una famiglia di agricoltori oltre un secolo fa, che, dal 1996, ha deciso di creare una linea interamente biologica (chiamata La Lodigiana) commercializzata anche attraverso la grande distribuzione, come i Supermercati Pam ad un prezzo più che accessibile (3.5 euro circa). Siamo riamasti assolutamente entusiasti di questo riso, utilizzato per il nostro ottimo risotto al gorgonzola, pere e cannella (da sottolineare è anche l’enorme bravura dello chef, che lo ha reso un piatto indimenticabile). La cottura era perfetta e i chicchi ben sgranati fra loro. Esperienza assolutamente da riprovare, magari seguendo una fra le tante ricette proposte sul sito dell’Azienda Agricola La Lodigiana. Provare per credere.

Foodometro™
In: i chicchi tengono prefettamente la cottura
Out: reperibile solo in pochi supermercati
The King of Risotto. 8.5

Annunci

5 risposte a “Riso Superfino Carnaroli La Lodigiana

  1. Bravo, è proprio così, con risi diversi ai risotti diversi, io preferisco da sempre il S.Andrea, è pronto in 17-18 min. Ha un’amido stupendo, non serve nemmeno il burro per mantecarlo, solo del Grana Padano. Il Carnaroli che hai usato tu, è da pole position, ma per i miei gusti lega poco.
    Vedi è proprio qui il punto: ognuno ha il suo risotto! Altro che pastasciutta:-))

  2. Pingback: Riso Superfino Thaibonnet Parboiled Esselunga Bio « Thebigfood·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...